Google Docs ora permette ai vostri colleghi di aiutarvi in Gmail

Google Docs ora permette ai vostri colleghi di aiutarvi in Gmail

 

Alcune volte, scrivere un’e-mail potrebbe risultare piuttosto impegnativo, soprattutto se il destinatario è una persona di un certo rilievo ed è pertanto necessario scegliere con cura le parole da usare. Grazie a un recente aggiornamento a Google Docs pubblicato da Google, ora, come riportato dai colleghi di Engadget, gli utenti di Workspace e G Suite potranno collaborare alla stesura di bozze su Gmail.

Photo Credit: Google
Gmail

Basterà aprire il template di una bozza e-mail e i vostri colleghi potranno aiutarvi a scrivere la lettera al meglio, offrendovi i loro suggerimenti.  Una volta completata, basterà cliccare un pulsante per far apparire la schermata per l’invio e Docs si occuperà di completare tutti i campi rilevanti. Questa opzione non è ancora disponibile per tutti, ma sarà arriverà su tutti gli account nel corso dei prossimi giorni. Al momento, non è stato specificato se questa possibilità verrà offerta anche agli account personali.

Nonostante l’evidente difficoltà, dopo una presentazione in pompa magna, il servizio Google Stadia non è stato ancora chiuso, ma ora l’azienda sta cercando nuovi modi per guadagnare dal progetto e trarne un maggior profitto. Proprio per questo, sembra che il colosso di Mountain View abbia intenzione di mettere l’infrastruttura a disposizione dei propri clienti tramite una concessione in licenza e alcune grosse aziende, come Capcom e Bungie, avrebbero già espresso il loro interesse a riguardo. Per saperne di più, vi consigliamo di leggere il nostro precedente articolo dedicato.

Photo Credit: Google
Gmail

Google si è anche impegnata sul fronte Mac, dato che la versione M99 del suo popolare browser Chrome, che offre il supporto nativo al SoC Apple M1, è ora più veloce di Safari nella compilazione di Javascript e il rendering delle pagine web. Purtroppo, al momento Chrome su M1 arriva a consumare fino 10 volte più energia in alcuni frangenti rispetto a Safari, il quale continua a essere maggiormente ottimizzato.

 

Fonte Articolo