Skype ora traduce la vostra voce in diverse lingue grazie all’IA

Skype ora traduce la vostra voce in diverse lingue grazie all’IA

Skype, una della applicazioni più popolari per effettuare chiamate e videochiamate con amici, parenti o colleghi, vi permette ora di tradurre la vostra voce in tempo reale in varie lingue così da parlare con persone di tutto il mondo in maniera molto più comoda e veloce. La traduzione in tempo reale era già offerta dal software, ma veniva generata una voce sintetica generica che poco si abbinava all’identità e al sesso di chi stava parlando.

Ora, Microsoft ha annunciato, tra le varie novità inerenti a Skype mobile, che, grazie alla potenza dell’Intelligenza Artificiale, l’app offre una funzione di traduzione migliorata, in grado di creare una voce molto vicina a quella dell’interlocutore originale, dando la sensazione di star davvero parlando un’altra lingua. Ovviamente, al momento tale funzionalità è ancora nella sua prima fase di sviluppo e il risultato non è ottimale, ma la differenza rispetto al precedente metodo è davvero palpabile.

skype

In pratica, Skype utilizza la tecnologia di riconoscimento vocale e l’elaborazione del linguaggio naturale per tradurre il parlato. L’intelligenza artificiale viene poi integrata per campionare le parole pronunciate e modellare il suono della traduzione vocale in tempo reale. Al momento, la funzionalità di traduzione in tempo reale con Intelligenza Artificiale è disponibile per le chiamate 1 a 1, mentre il prossimo anno sarà estesa anche alle call di gruppo e alle telefonate. Attualmente, sono già disponibili svariate lingue, come inglese, spagnolo, francese, tedesco e cinese, ma in futuro ne saranno aggiunte altre ancora.

L’Intelligenza Artificiale sta ormai venendo utilizzata in molteplici ambiti. Nella giornata di ieri, vi abbiamo parlato della nuova tecnologia Intel, chiamata FakeCatcher, in grado di rivelare i video che utilizzano i deepfake con una precisione del 96%. Per ulteriori dettagli a riguardo, vi consigliamo di leggere il nostro precedente articolo dedicato.

Fonte Articolo